Surrealismo, arte surrealista, surrealismo magritte, miro, dali, de chirico, surrealismo sogno, arte surreale, arte moderna arte del 900, atte contemporanea, arte astratta, il surrealismo, magritte e  il surrealismo, pittori surrealisti, surrealismo relatà, magritte, mirò, dalì,, srtisti surrealisti

Surrealismo

Scrivi

Appuntamenti

Informazioni

Scritto dai visitatori

sito da vedere

Appuntamenti

Renè Magritte (1898  -  1967)

Non solo arte
Novità dall'arte
Arte e spettacolo

Nasce nel novembre del 1898 a Lesines una località del Belgio. Il padre era un mercante e la sua famiglia cambiò più volte residenza.
Tra rivoluzioni tecnologiche e culturali l'attività di Magritte è rimasta profondamente segnata dagli avvenimenti. In quel periodo tutta l'arte era travolta dalle innovazioni tecnologiche e in particolar modo il futurismo nelle sue varie forme.
Ma non fu solo la vita sociale del periodo che lasciò evidenti segni nelle sue opere, anche la vita personale dello stesso Magritte è chiaramente rispecchiata nelle sue creazioni. Nel 1912 la madre venne ritrovata annegata suicida, con la testa avvolta dalla camicia da notte, nel fiume accanto a dove viveva, questo fatto rimase particolarmente impresso in alcuni dipinti: "L'istoire centrale"
e "Les amants".
Importante è anche l'influenza che sul pittore ebbe il mitico personaggio di un serial cinematografico del periodo, molto apprezzato anche da Apollinaire e da Picasso: Fantomas. Queste tematiche di "orrore" appaiono spesso nelle opere di Magritte, ad esempio "L'assassin menacè" e altri.
Un tema chiave che si trova in quasi tutte le opere di Magritte è quello della "visione". Secondo il pittore l'immagine è una cosa a sé, esiste indipendentemente dall'esistenza della cosa stessa che rappresenta. L'arte aveva preso visione del mondo e tradotto una verità nascosta, questo era il compito dell'artista, vedere al di là dell'apparenza. Un chiaro esempio di questo concetto ci è dato dall'opera "Le modelle rouge" (il modello rosso) dove rappresenta due stivaletti che nella parte terminale prendono l'immagine di piede umano, qui l'occhio dell'artista non si è limitato esclusivamente a scrutare la semplice forma dello stivaletto ma è andato oltre, ha guardato il cuore dell'oggetto e la sua interiorità svelando una verità che la mente e non l'occhio può percepire.
Non-senso, irrazionalità, mistero e soprattutto spaesamento dell'uomo in un mondo immagini, simboli e convenzioni è il messaggio che il surrealismo vuole trasmettere.
Dopo una lunga carriera artistica affermata e riconosciuta anche dai sui contemporanei, Magritte muore nell'agosto del 1967 a Bruxelles.

Alessandro Caboni

Scritto dai visitatori

Le e-mail
Poesie

Monografie

Alessandro Caboni
Animakis
Giorgio De Chirico
Guido Galderisi
Joan Mirò
Laura Zecchini
Marcello Mascellani
Max Ernst
Nuccio Leoni
Renè Magritte
Roberto Cantoro
Salvador Dalì
Silvano Simonini
Valerio Savino

l'impero della luce
1954, olio su tela, Collezione Peggy Guggenheim , Venezia

la chiave di ghiaccio
1959, olio su tela, The Menil Collection, Houston, Texas.

Alessandro Caboni
"Pietà"
olio su tela
70x60 cm

il modello rosso II

1937, olio su tela, Edward James Foundation, Chichester, Sussex.

la condizione umana
1933

Contatti:
Responsabile organizzativo e direttore           
Alessandro Caboni
Responsabile delle recensioni e della critica  Sara Lombardo
Responsabile e creatore delle musiche            Mario Scano